Fragilità o sensibilità? Pregiudizi e paure.

La sensibilità, per come la intendiamo, è la propensione di una persona ad essere emotivamente smossa da fatti, interazioni, emozioni cui partecipa o anche solo assiste. Diciamo che è sensibile una persona che dimostra frequentemente reazioni emotive, o ne ha di particolarmente intense.

L’ipersensibilita’ è un tratto presente in circa il 20% della popolazione. La persona altamente sensibile è caratterizzata da un’elevatissima recettività agli stimoli, non solo emotivi, ma anche sensoriali. Rumori forti, immagini molto vivide, sensazioni tattili intense possono essere fonte di disagio o fastidio, proprio per l’elevata sensibilità percettiva. Lo si può osservare già da neonati: un bambino con queste caratteristiche sarà un neonato facilmente disturbato da suoni e rumori, che per dormire ha bisogno di più tranquillità o di costante protezione (se fuori casa, dorme solo tra le braccia), che piange tanto in reazione a variazioni anche piccole del suo ambiente.

Leggi tutto “Fragilità o sensibilità? Pregiudizi e paure.”

Donne che subiscono e uomini che non sanno amare

Titolo banale, forse. Necessario, io credo.

Donne che subiscono violenza ce ne sono molte, troppe, ed hanno bisogno di aiuto, non solo nei centri che si dedicano proprio a questo, ma nella nostra società, che diciamolo, è ancora pervasa di elementi di violenza di genere. Certe idee diffuse sulle donne continuano a scorrere sotto alla pelle del politicamente corretto, e lo sappiamo tutti. E’ ben chiaro cosa deve fare o non fare una donna, cosa rischia ‘se’. Sappiamo anche (o almeno, dovremmo saperlo) che la violenza sulle donne quasi sempre avviene in casa, per mano di chi ti ama o ti ha amato, seppur sia discutibile il modo prescelto. Dunque è un problema che non riguarda me, perché mio marito mi tratta bene, nemmeno la mia vicina, la mia amica o la famiglia di fronte. Oh no. Riguarda TUTTI noi. Leggi tutto “Donne che subiscono e uomini che non sanno amare”

Studi Aperti: Genitori che non ce la fanno più e Depressione

In occasione della Giornata Nazionale della Psicologia, dal 4 al 14 ottobre gli psicologi della Lombardia apriranno i loro studi per colloqui gratuiti ed iniziative (sul sito www.opl.it potete trovare maggiori informazioni e tutte le iniziative).

Ho deciso di dedicare la giornata dell’11 ottobre a questi due temi Leggi tutto “Studi Aperti: Genitori che non ce la fanno più e Depressione”

Perché val sempre la pena di porci delle domande.

Fatevi molte domande. Vi state chiedendo perché?

Perché non c’è niente di meglio che porsi una domanda, per scoprire qualcosa che potremmo ritenere interessante, e magari usare per noi stessi, per rendere la nostra vita più…(serena, realizzata, interessante, ognuno ci metta l’aggettivo che preferisce, secondo il proprio temperamento).

A volte le domande fanno soffrire, vero? In realtà non é proprio così che vanno le cose. Leggi tutto “Perché val sempre la pena di porci delle domande.”

Eventi gratuiti settembre -ottobre.

Rientro dalle vacanze: un buon momento per fermarci e riflettere su quello che per noi è importante e su quello di cui abbiamo bisogno nella nostra quotidianità.

Queste le proposte per settembre ed ottobre:

Giovedi 20 settembre 2018, ore 19. Bellezza ed immagine di sé.

Riflessioni sul significato della bellezza, sul valore profondamente soggettivo che essa ha, sul modo in cui lo applichiamo a noi stessi o agli altri, e cosa questo comporti per la nostra immagine di noi e per le nostre relazioni.

Giovedì 27 settembre, ore 19. Genitori che non ce la fanno più.

Incontro aperto a tutti quei genitori che si sono sentiti ‘al limite’, ai genitori molto stanchi, ed a quelli a cui sembra che capiti solo a loro. Non è così. Il ruolo di genitore è cambiato negli ultimi anni; vediamo assieme cosa questo comporti.

Giovedi 11 ottobre 2018, ore 19. La depressione

Un male oscuro, che nell’immaginario collettivo è ancora considerato un ‘male minore’, che passerà col tempo ed un po’ di impegno. Tuttavia, è qualcosa che quasi tutti gli esseri umani sperimentano almeno una volta, nell’arco della loro vita.

Giovedì 25 ottobre 2018, ore 19. Università infinita: perché non riesco a dare gli esami?

La bella vita da studenti… è fatta di duri traguardi ed una serie continua di giudizi. Molti si bloccano lungo la via, per un motivo o per l’altro. Quest’incontro è aperto a tutti gli studenti che vivono questa difficile situazione.

Gli incontri sono strutturati quali gruppi di discussione esperienziali.

Tutti gli eventi sono gratuiti ed avranno luogo dalle 19 alle 20.30 nello studio di psicologia sito a Monza, in viale Romagna 30. E’ gradita la prenotazione:

  • Telefonicamente: 3396915479
  • Sms o WhatsApp: 3396925479
  • Mail: scrivimi@vadointerapia.it
  • Tramite il form sottostante

Genitori che non ce la fanno più (il burn out genitoriale)

Partiamo dalle cose ovvie, quelle che tutti sanno:

  • avere figli è un’esperienza bellissima;
  • passare tutto il tuo tempo con loro è meraviglioso;
  • non dover più lavorare, o farlo a part time, o avere una scusa per tornare a casa prima è una bella fortuna;
  • qualunque genitore accusa molto bene la fatica grazie all’amore per i figli;
  • di poco riposo non è morto nessuno, ci sarà tempo per quello quando saranno più grandi.

Sono tutte cose vere. Aggiungiamo a queste verità la dimensione temporale.  Leggi tutto “Genitori che non ce la fanno più (il burn out genitoriale)”

Comunicazione aggressiva: come difendersi.

L’aggressività è una funzione umana, in quanto tale ha la sua utilità; ovvia nel caso della difesa personale, meno ovvia in altri ambiti che comunque possono essere dovuti ad un istinto di protezione che la razza umana possiede dai tempi in cui i pericoli per l’incolumità fisica, propria o della propria prole, erano molto più frequenti. L’aggressività può essere utile, dunque, per difesa o protezione in situazioni di pericolo accertato.

L’aggressività tuttavia è frequentemente mal utilizzata. Quello che intendo dire non è tanto che alle volte le persone sono troppo, o troppo poco aggressive; o che sono fisicamente aggressive quando basterebbe parlarsi. Mi trovo piuttosto infastidita da episodi nei quali riscontro una forma di aggressività correlata a tutt’altro scopo; ad esempio, all’ottenimento di un successo personale, anche solo relazionale (sono più forte/bravo/intelligente di te). Il venditore aggressivo, ad esempio, è emblematico dell’aggressività mal impiegata.

Mi rendo conto che sembra un cosa poco grave: che sarà mai essere apostrofati da un venditore aggressivo? Riflettiamoci un attimo, però. Leggi tutto “Comunicazione aggressiva: come difendersi.”